Detrazione al 110%. Cosa sapere, chi può accedere, limiti del bonus fiscale

ecobonus 110

Buonasera a tutti.

E’ da un pò che non aggiorno il blog. Ultimamente è sempre difficile trovare il tempo per scrivere un articolo a causa dei vari impegni.

Oggi però parliamo del bonus fiscale per le detrazioni fiscali al 110%, annunciato recentemente dal governo nel cosiddetto “Decreto Rilancio”.

Il procedimento legislativo del decreto legge prevede che, dopo l’approvazione del Consiglio dei ministri – avvenuto il 13/05/2020 – il testo venga emanato dal Presidente della Repubblica. Ottenuta la firma del Quirinale, il Decreto rilancio sarà immediatamente pubblicato in Gazzetta ufficiale. Ma andiamo ad approfondire i punti chiave.

Analizziamo la bozza circolante online e rinvenuta sul sito ansa.it.

Ecobonus 2020 – Nuove detrazioni fiscali fino al 110%

A chi è rivolto

Le disposizioni contenute nel decreto sono rivolte agli interventi effettuati dai condomini, sulle singole unità immobiliari adibite ad abitazione principale, dagli Istituti Autonomi Case Popolari (o da enti aventi le stesse finalità sociali dei predetti Istituti).

Quando

Diciotto mesi per rendere le nostre case più sobrie nei consumi energetici e più sicure senza spendere nulla. Sulla carta quella offerta dal decreto rilancio è un’occasione da non perdere.

Le detrazioni si applicano a tutte le spese rientranti nelle agevolazioni e sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo.

Tipologia di lavori

  1. interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro edilizio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio. Ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 60.000 per ogni unità immobiliare;
  2. interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria (a condensazione, a pompa di calore, impianti ibridi o geotermici) Ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 30.000 per ogni unità immobiliare;
  3. interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria (a condensazione, a pompa di calore, impianti ibridi o geotermici) Ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 30.000 per ogni unità immobiliare;

E’ possibile usufruire della detrazione al 110% anche per tutti gli interventi di cui all’art. 14 del DL 63/2013 (compresa anche la riduzione del rischio sismico) nei limiti di spesa di ciascun intervento , a patto che vengano eseguiti congiuntamente ad almeno uno dei precedenti interventi).

Inoltre, per l’ottenimento della medesima aliquota per l’installazione di impianti solari fotovoltaici e solare termico, è necessario che anche in questo caso vengano eseguiti congiuntamente ad almeno uno dei precedenti interventi. In questo caso tale agevolazione non è cumulabile con altri incentivi pubblici o altre forme di agevolazione ed è subordinata alla cessione in favore del GSE dell’energia non auto-consumata in sito.

Chiude l’elenco l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici. Anche in questo caso l’intervento deve essere eseguito congiuntamente ad altri interventi (punti da 1 a 3)

Procedure

Le fatture vanno pagate con bonifico parlante, con l’indicazione del soggetto percipiente e del committente. Per i lavori di efficientamento energetico bisogna inviare la documentazione tecnica che certifichi la rispondenza delle opere alle specifiche normative. I tecnici abilitati dovranno asseverare, con responsabilità penale, anche che i lavori sono stati pagati a un prezzo congruo con verifica dell‘Agenzia delle Entrate. Questo passaggio è obbligatorio anche per il sismabonus.

A tal proposito di rimanda alla fine dell’articolo per tutte le richieste di consulenza.

Requisiti per l’accesso alle detrazioni

Per accedere alle detrazioni gli interventi ai punti numerati precedenti devono rispettare i requisiti tecnici minimi previsti dalla normativa e devono assicurare il miglioramento di due classi energetiche dell’edificio, oltre al requisito dell’unità immobiliare di essere adibita ad abitazione principale.

Cessione del credito

La bozza del decreto prevede la trasformazione delle detrazioni fiscali in sconto sul corrispettivo dovuto e in credito d’imposta cedibile.

Infatti si può optare per :

  • un contributo di pari ammontare, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e da quest’ultimo recuperato sotto forma di credito d’imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari;
    b) per la trasformazione del corrispondente importo in credito d’imposta, con facoltà di successive cessioni ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

Hai dubbi?? Chiedi una consulenza

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

SERVIZIO DETRAZIONI FISCALI 110% REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. DIAGNOSI ENERGETICA DELL'EDIFICIO E VALUTAZIONE ECONOMICA DELL'INTERVENTO. CONTATTAMI SUBITO!!

L’offerta è relativa alla redazione di un documento riferito ad una unica unità immobiliare oggetto d’intervento ubicata nel territorio regionale. Se ho un edificio composto da più unità, sarà necessario disporre una pratica per ogni subalterno (per condomini preventivo personalizzato). La pratica comprende comunque la consegna del certificato energetico dell’immobile allo stato attuale.

PREZZO CERTO TUTTO INCLUSO

Il prezzo richiesto di 499,00 € è tutto-incluso (IVA, tasse, contributi cassa ingegneri). La tariffa comprende un dettagliato sopralluogo, la raccolta delle indicazioni del cliente e la stesura del progetto, l’elaborazioni dei calcoli, redazione di certificato energetico e consegna all’ente regionale. Promozione per Udine e Provincia per appartamenti ad esclusione di edifici terra-cielo. Per altre province sarà necessario aggiungere un supplemento chilometrico in base alla ubicazione dell’immobile.

Gli unici ulteriori costi non compresi nella cifra indicata sono:

  • qualora il cliente non passi presso i nostri uffici a ritirare il plico cartaceo della documentazione prodotta a fine incarico, i costi di spedizione a mezzo raccomandata (10,00 €)


1) Compila il form on-line;

2) l’Ingegnere ti contatterà nel tempo più breve possibile. Ti saranno richiesti i documenti e i dati necessari alla redazione del certificato (riceverai una e-mail dove è spiegato tutto il necessario);

3) Raccolti tutti gli elementi necessari, si provvederà a concordare un sopralluogo della durata di circa 1 ora (OBBLIGATORIO PER LEGGE);

4) Verranno elaborati i calcoli e successivamente verrà emessa la certificazione energetica del tuo immobile che sarà registrato presso il catasto energetico regionale;

5) Verrai contattato/a per definire il ritiro del documento.

SOPRALLUOGO OBBLIGATORIO

Per raccogliere tutti i dati necessari, conformemente alle normative per il rilascio delle certificazioni energetiche APE, è necessario svolgere un sopralluogo presso l’immobile. E’ necessario prendere un appuntamento per fissare la data della visita del tecnico. L’ingegnere cercherà di soddisfare al meglio le Vs esigenze. Il sopralluogo dura circa 1 ora a seconda della grandezza dell’immobile da certificare.

[/tab]

CONSEGNA E PAGAMENTO

Ci sono tre possibilità:

a) ritiro in studio e contestuale pagamento (contanti);

b) pagamento con bonifico bancario, ricezione dei files digitali (PDF della pratica e ricevute di avvenuta lavorazione) via e-mail e consegna cartacea alla ricezione del pagamento presso lo studio.

Verrà rilasciata regolare fattura. Nei casi previsti dalla normativa è possibile detrarre ai fini fiscali anche la nostra parcella.

L’Ing. Donato Calà redige attestati di certificazione energetica sottoscrivendoli con firma digitale (elettronica). Al fine di consentire al proprietario di disporre di un APE idoneo originale, egli consegnerà a quest’ultimo il file pdf dello stesso firmato digitalmente ed una copia cartacea dello stesso file corredata da un atto notorio. Lo studio ha provveduto ad adeguarsi e pertanto rilascia sempre attestati conformi alle più recenti disposizioni normative.

Tutte le certificazioni energetiche rilasciate dall’Ing. Donato Calà sono prodotte rispettando la normativa vigente e registrate presso il catasto energetico della regione Friuli Venezia Giulia. 

Usa il form sottostante per scrivermi un messaggio:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (richiesto)

Città in cui occorre la pratica (richiesto)

Sei

Oggetto della richiesta (richiesto)

Il tuo messaggio

Alla prossima. Stay tuned!

P.S. Essendo il decreto non ancora pubblicato sulla gazzetta ufficiale, questo articolo necessiterà di aggiornamento.

Lascia un commento